domenica 26 luglio 2020

Io me la ricordo la felicità !


"Io me la ricordo la felicità, era fatta di operai che andavano al mare quel giorno di agosto, tutti. Con le macchine senza aria condizionata, con i portapacchi pieni di valigie e le autostrade senza bollini neri. Erano gli anni dove i pensionati potevamo permettersi la giusta ricompensa dopo una vita di sacrifici, 
... erano gli anni delle spiagge con i tavolini e le paste al forno, 
e quei contenitori frigo, più forniti dei supermercati. 
La felicità, con quelle sedie pieghevoli e quei caffè nei thermos a fine pranzo, le foto con i rullini, i discorsi tutti insieme a fine pranzo, i bambini che facevano i bambini. Le città deserte.



Aveva un altro sapore la felicità, le discoteche in spiaggia, fatte di legno con le lampadine colorate, le ragazze sedute che aspettavano l’invito per ballare quei lenti e conoscersi meglio, eravamo più estranei e molto più intimi senza sapere ancora il nome. 
Noi, con una chitarra e un fuoco in spiaggia, avevamo il paradiso, noi in cerchio e una bottiglia che girava trovavamo un bacio...
Noi, figli dei francobolli e delle cartoline “tanti saluti dal mare”
 che spedivamo sempre l’ultimo giorno, forse per questo avevano il sapore amaro quei francobolli quando li leccavi, perché le vacanze finivano, ma si tornava a casa felici, senza bollette arretrate nei cassetti, con le cartoline che arrivavano in autunno, con la serenità nella testa e la speranza sempre a portata di mano.



Invece oggi i centri commerciali sono sempre aperti, 
le città sempre più popolate, i pensionati li vedi lì, 
sotto qualche albero per un po’ di fresco. 
Abbiamo voluto di più ma abbiamo ottenuto di meno….

Ci facciamo sempre più foto senza andarle a sviluppare, 
e qui, ci hanno fregato l’attesa…
Andiamo in spiagge organizzate e devi rispettare i limiti, 
e qui, ci hanno fregato gli spazi…
Abbiamo ottenuto un smartphone per parlare con il mondo, 
e qui, ci hanno fregato la voglia di stare insieme...
Io me la ricordo la felicità, rimaneva sulla pelle, 
e non aveva nessuna password"...









"foto tratte dal web"




26 commenti:

  1. Caro Stefano, erano altri tempi, con poco ma sempre contenti!!!
    Ciao e buona domenica con un forte abbraccio e un sorriso:-)
    Tomaso

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Tomaso, davvero, eravamo felici, ma non sapevamo di esserlo.

      Elimina
  2. vabbe' dai,
    abbiamo goduto di un secolo irripetibile per noi mortidifame, poi con la globalizzazione pian pianino, NOI mortidifame, dovremo adeguarci ai miliardi di nostri simili che provano a sopravvivere su questa gran palla di

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Vero un secolo irripetibile, dove le speranze in un mondo migliore eerano prevalenti sul desiderio del tutto e subito.

      Elimina
  3. IO ho vissuto quella felicità,ma ora i tempi sono cambiati.Buon pomeriggio domenicale...OLga

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Anche io l ho vissuta quella felicità, e solo ora capisco che bastava davvero poco, quando c'era la speranza, per far sembrare tutto migliore.

      Elimina
  4. Bellissimo questo post.
    Io gli anni di cui parli li ho vissuti da bambina.
    Era tutto così bello e allo stesso tempo semplice.
    Oggi invece le vacanze si fanno anche per il gusto di fare a gara a chi va nel posto più figo... Che tristezza.
    Sarà per questo che a me non piace il periodo delle vacanze?
    A me piacciono le cose semplici, le cicale e un buon libro e io sono già un'altra persona.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Mi fa piacere che condividi il mio pensiero, perchè non erano i beni materiali a farci stare bene, ma la partecipazione...

      Elimina
  5. Grazie Stefano per avermi reimmerso nelle mie vacanze giovanili composte tra l'altro di cabine in legno alla spiaggia del Lido di Venezia. Sto ancora cercando un microfono come si deve per accettare la tua sfida (lol). Buona serata domenicale.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sei un grande ! Diciamo che non è una sfida, ma un gioco, mi piace pensarla così, Buona serata.

      Elimina
  6. Caro Stefano, erano tempi diversi, era il tempo del boon economico e tutti finalmente si stava meglio, con il frigo in cucina e la 5OO sotto casa. È vero eravamo felici ma perché prima stavamo peggio, eravamo i figli di una sanguinosa guerra e tutto i sembrava meraviglioso anche le cambiali. Oggi i problemi sono tanti e la pandemia non ci ha aiutato ma passerà e la felicità dobbiamo cercarla nel nostro futuro, per noi è per chi oggi si affaccia alla vita senza rimpianti di quello che non c'è più.
    Ciao fulvio

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Non si tratta di rimpianti, ma di consapevolezza, quella presa di coscienza che mi fa dire, che non sono riuscito a lasciare il mondo meglio di come lo avevo trovato.

      Elimina
  7. Felicità
    È tenersi per mano, andare lontano, la felicità.
    È il tuo sguardo innocente in mezzo alla gente, la felicità.
    È restare vicini come bambini la felicità,
    Felicità.
    Felicità

    RispondiElimina
    Risposte
    1. ahahahahaha... Irina, me lo immaginavo ! Dasvidania !!!!

      Elimina
  8. ho una figlia di 22 anni

    mi sono sempre imposto di evitare i "ai miei tempi". anche perchè quei tempi non mi sembravano così meravigliosi

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Pensa che a me invece quei tempi mi sembravano meravigliosi, il gusto della novità, i miei genitori entrambi vivi, il futuro davanti, e la possibilità di costruire qualcosa....

      Elimina
  9. Sono stata colpita favorevolmente dal sottotitolo del blog (già bello il titolo "Alberi liberi"): cultura ed impegno per i diritti animali, e disprezzo dell'aberrante logica : nasci...produci...consuma...muori. Condivido in pieno. Saluti cordiali.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sono contento che hai colto la mia intenzione, quella di provare sempre ad usare la testa, ma anche il cuore.

      Elimina
  10. Un bel post ricco di ricordi.
    Saluti a presto.

    RispondiElimina
  11. Risposte
    1. già, avevamo speranze da costruire ed un futuro da sognare...

      Elimina
  12. Risposte
    1. difficile da dire... chi ha lo sguardo basso sul proprio orticello forse si, è la fortuna di chi ignora, o vuole ignorare... chi guarda oltre il proprio personale confine, non credo che possa esserlo... !

      Elimina
  13. Le ultime otto righe sono una poesia e quella prima è il titolo. Le ultime due righe sono favolose. Bravo. Complimenti. Si sente che ti è venuto tutto dal cuore e dalla testa unite insieme!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Devo dirti che il testo non è tutto mio, certo, l ho fatto mio, e ci ho messo testa e cuore... nel rileggerlo e riformularlo. Grazie !

      Elimina