mercoledì 11 aprile 2012

SONO UN ASINO !



Un giorno l'asino di un contadino cadde in un pozzo. 
Non si era fatto male, ma non poteva più uscirne. 
L'asino continuò a ragliare sonoramente per ore, 
mentre il proprietario pensava al da farsi.
Finalmente il contadino prese una decisione, crudele: 
concluse che l'asino era ormai molto vecchio 
e che non serviva più a nulla, 
che il pozzo era ormai secco e che in 
qualche modo bisognava chiuderlo. 
Non valeva pertanto la pena di sforzarsi per 
tirare fuori l'animale dal pozzo. 
Al contrario chiamò i suoi vicini perché lo 
aiutassero a seppellire vivo l'asino.
Ognuno di loro prese un badile e cominciò 
a buttare palate di terra dentro al pozzo. 
L'asino non tardò a rendersi conto di quello 
che stavano facendo con lui e pianse disperatamente. 
Poi, con gran sorpresa di tutti, dopo un certo numero 
di palate di terra, l'asino rimase quieto. 
Il contadino alla fine guardò verso il fondo del pozzo 
e rimase sorpreso da quello che vide.
Ad ogni palata di terra che gli cadeva addosso, 
l'asino se ne liberava, scrollandosela dalla groppa, 
facendola cadere e salendoci sopra. In questo modo, 
in poco tempo, tutti videro come l'asino riuscì 
ad arrivare fino all'imboccatura del pozzo, 
oltrepassare il bordo e uscirne trottando.
Esopo

17 commenti:

  1. Piccola perla, quando si dice che gli animali sono molto più intelligenti degli uomini...
    Che saggio d'uomo, questo Esopo.

    RispondiElimina
  2. qst favola me la ricordo e racchiude ua grande verità.
    grazie x avercela proposta e ricordata.

    RispondiElimina
  3. infatti mio padre mi chiama pezzo d'asino

    RispondiElimina
  4. Appunto una Perla Esopo .... Fedro ... hanno saputo collocare Animali e uomini al posto giusto. Il giorno di Pasquetta ho fotografato un asinello simpaticissimo (quanto mi piacciono) peccato che blogspot non permetta di passarcele nei commenti. Ora vedo se hai la mail pubblicata qui.

    RispondiElimina
  5. Uhm... non vedo il mio commento, non so se è andato perso o se è in moderazione...
    Ti ringraziavo per avermi dato l'opportunità di rileggere questa splendida favola di Esopo :-) L'asino si è salvato, molti di noi - presi dal panico - non ci sarebbero riusciti ;-)

    www.wolfghost.com

    RispondiElimina
    Risposte
    1. non esiste moderazione in questo blog !
      ciao Wolf !

      Elimina
  6. I mussi non sono sempre asini.

    Baci

    RispondiElimina
  7. ricordati che l'asinello e non un destriero, ha portato in groppa sia Gesù che S.Francesco...

    RispondiElimina
  8. bella favola ! trarre profitto dagli inconvenienti ! pensare positivo ! asino intelligente, più degli umani !!!

    RispondiElimina
  9. Fantastico l'asino, bellissima favola :-)
    Perché poi si associa ancora la stupidità e l'ignoranza a questi splendidi animali resta un mistero... i veri ignoranti direi che appartengono soltanto alla specie umana

    ciao :-)

    RispondiElimina
  10. Ma, comunque qualche giorno fa mi sono collegato qui e blogger diceva che non esistevi più. :S

    RispondiElimina
  11. vuoi dire che allora uscire dalla crisi nonostante quello che ci stanno tirando addosso?!?!
    :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. ma ... magari !!!
      il fatto è che non siamo asini... purtroppo !

      Elimina