mercoledì 4 aprile 2012

Pasqua senza morte, è possibile!

La Pasqua sarà davvero “buona” solo se si elimina la crudele usanza di trucidare innocenti cuccioli di pecora !



Pensateci un attimo :

gli agnellini ci ispirano tenerezza quando li vediamo,

eppure a un mese di vita vengono strappati alle madri,

costretti a lunghi viaggi terribili su TIR strapieni,

per arrivare a un lurido macello in cui gli animali

terrorizzati vengono immobilizzati, squoiati, appesi

a un gancio per una zampa, e lasciati dissanguare.



Prima di essere appesi sentono l’odore del sangue

e le urla di terrore dei loro compagni.

Solo perché a molti piace mangiarli!

Solo per un crudele e infame rito religioso!

Non potrebbe esistere un motivo più futile per

sottoporre questi cuccioli a tanta sofferenza, e alla morte.

Ogni anno a Pasqua vengono uccisi 2 milioni di agnelli,

Fa la cosa giusta, quest’anno non stare con gli assassini !



23 commenti:

  1. Questo commento è stato eliminato da un amministratore del blog.

    RispondiElimina
  2. questo commento mi è stato cancellato da una bloggers che aveva fatto un post di "buona pasqua" ... sarò ottuso ma non ho capito perchè.


    Per una Pasqua di pace… pensaci : gli agnellini ad un mese
    di vita vengono strappati alle madri, e costretti a lunghi viaggi
    terribili su TIR strapieni, per arrivare a un lurido macello in cui
    gli animali terrorizzati vengono appesi a un gancio per una zampa,
    seviziati e lasciati morire dissanguati.
    Prima di essere appesi sentono l’odore del sangue
    e le urla di terrore dei loro compagni… tutto questo
    solo per un crudele e infame rito religioso !
    Non potrebbe esistere un motivo più futile di questo per
    sottoporre questi cuccioli a tanta sofferenza, e alla morte.
    Ogni anno a Pasqua vengono massacrati 2 milioni di agnelli,
    Fa la cosa giusta, quest’anno non stare con gli assassini !

    RispondiElimina
  3. Io non mangio carne e non posso che condividere questo appello.

    Un bacione

    RispondiElimina
  4. I neonati agnellini in marzapane ... me li mangerei interi. Non li compero perché le Bambine non vogliono vederlo tagliare, pensa che ho comperato (da anni) delle candeline a forma di gallinella non vogliono che le si accendano perché muoioni.. infatti sono ancora 10!!!

    RispondiElimina
  5. Stefan ... non avevo letto della cancellazione. Mi pare una bischerata, anche chi se ne ciba può condividere i sentimenti e le scelte altrui. La Bibbia è un libro attendibile fino ad un certo punto, resta una testimonianza di insegnamenti e comportamenti... meglio sacrificare ad un dio l'animale piuttosto che che una persona,... oggi non ha più senso, costoro di Cristo non capiscono una mazza. Meglio l'agnellino di marzapane... se qualcuno lo trovasse troppo dolce se ne impasti uno a Mò DI TORTA SALATA.

    RispondiElimina
  6. Grazie di essere passato sul mio blog, sono sempre contenta di conoscere sia pure virtualmente persone che condividono il mio desiderio di un mondo migliore per i nostri amici animali.
    Concordo naturalmente con questo post, trovo anche molto efficaci le immagini che hai messo.
    Speriamo che almeno per le varie ricorrenze prenda presto piede una nuova tradizione vegetariana, sarebbe già un inizio...

    Io come ogni anno mi farò la solita overdose di deliziosi ovetti di cioccolato :-)

    un saluto

    RispondiElimina
  7. Ciao, mi unisco al tuo viaggio in solidarietà.
    Posso regalare al mio blog la foto del tuo agnellino?
    A presto e grazie della visita!

    RispondiElimina
  8. Ciao
    sono d'accordo.
    Tra poco vado a lavorare.

    RispondiElimina
  9. Ovviamente mi unisco al tuo appello.

    Comunque, e te lo segnalo per correttezza perché l'anno scorso commisi lo stesso errore pure io e me lo fecero notare - il rito del sacrificio degli agnelli non appartiene alla Pasqua cattolica, ma ebraica. Nel Nuovo Testamento infatti ai vari sacrifici - di chiara matrice pagana, peraltro - si è sostituito il sacrificio di Cristo che si è immolato una volte per tutte per noi.
    Riporto quanto mi è stato detto, che poi io sono pure atea e quindi i vari riti religiosi non li seguo proprio.

    Purtroppo, come ho scritto anche altrove, qui da noi questa di mangiare l'agnello è ormai una tradizione che è entrata nella nostra cultura e che tutti continuano a perpetrare senza riflettere, per abitudine, per incapacità di mettere in discussione questa orribile cultura specista in cui viviamo.

    Cerchiamo di diffondere sempre più i nostri messaggi che svelano l'orrore che c'è dietro a questa tradizione.
    Un saluto.
    Complimenti per il tuo blog ed il tuo impegno animalista.

    RispondiElimina
  10. Biancaneve è vero è una tradizione originariamente ebraica che i cattolici hanno assorbito...
    grazie per la segnalazione !

    RispondiElimina
  11. Boicottatore di agnello da oltre trent'anni PRESENTE!
    Ed anche capretto.

    RispondiElimina
  12. Vero, bel messaggio.
    Auguri di Buona Pasqua

    RispondiElimina
  13. Mai mangiato l'agnello, per fortuna a casa mia non si è mai usato! redcats

    RispondiElimina
  14. Ho risposto sul mio blog riguardo la ragione dell'uccisione dell'agnello.

    RispondiElimina
  15. Condivido, stupida tradizione ...

    RispondiElimina
  16. Caro amico, tu sfondi una porta aperta e lo sai bene!
    Ti auguro una Pasqua serena con l'agnellino di zucchero sulla tavola!

    RispondiElimina
  17. Questo commento è stato eliminato dall'autore.

    RispondiElimina
  18. Volevo dire che il tuo commento è stato cancellato perchè il blogger è un carnivoro oppure perchè non voleva urtare la "sensibilità" dei suoi lettori!

    RispondiElimina
  19. concordo!!
    Buona Pasqua Stefano :)

    RispondiElimina
  20. auguri di Serena Pasqua a te e familiari pelosi compresi ovvio....;-)

    RispondiElimina
  21. L'agnello è buono!
    No, non inorridire.... intendo quello dolce, al posto della colomba!

    Auguri anche a te carissimo, un caro abbraccio♥

    RispondiElimina
  22. Da vegana non posso che condividere il tuo appello.

    RispondiElimina